Dove pubblicare nuovi articoli? Su PubblicareArticoli.it

Stai cercando un sito che ti permetta di fare gratuitamente Article Marketing di qualità con contenuti inediti? PubblicareArticoli.it diventerà uno dei tuoi strumenti preferiti su cui contare per promuovere le attività dei tuoi clienti o la tua!
Ricorda, gli articoli che invierai non dovranno essere mai pubblicati su altri siti e non dovranno mai essere inferiori a 400 parole.

Umidificatore per sigari: come funziona e vari tipi..

Categoria: Tempo libero Pubblicato 19 Settembre 2015
Visite: 994

Al giorno d’oggi vi sono due principali metodi di umidificazione in un umidificatore per sigari: quella attiva e quella passiva.

L’umidificazione passiva funziona con l’evaporazione e la diffusione di acqua ( distillata) o una soluzione di acqua distillata e glicol propilene. L’acqua distillata è l’unica opzione disponibile, perché minerali, tossine e additivi che si trovano nell’acqua del rubinetto agiscono negativamente sulla qualità dei sigari. Il modo più semplice di umidificazione passiva si ha mettendo un bicchiere o una spugna piena di acqua distillata dentro l’umidificatore fino a che il livello appropriato di umidità viene raggiunto. L’umidificazione a spugna è una delle più utilizzate ed è effettuata attraverso un contenitore di plastica o metallo con buchi o fessure con all’interno una spugna o polimeri.

umidificatore per sigari

I sistemi di umidificazione passiva sono elettronici e richiedono una minore cura rispetto a quelli passivi, tuttavia hanno prezzi molto alti perché dispongono di una tecnologia avanzata.

Generalmente in un umidificatore per sigari lavorano attraverso sensori che indicano se l’umidità debba essere aggiunta all’aria.

Ci sono persino sistemi che abbassano il grado di umidità qualora diventi troppo alta. Questo avviene con la ventilazione che si attiva attraverso gli stessi sensori che la aumentano in un sistema attivo.

L’interno di un humidor dovrebbe essere di cedro spagnolo o se non disponibile di un’altra qualità di cedro. Nei primi umidificatori per sigari costruiti, la porcellana e il rame erano i più comuni materiali utilizzati per l’interno, ma col passare del tempo si è capito che il legno naturale fosse la migliore scelta sia per l’esterno che l’interno.

Il cedro spagnolo è sempre consigliato più di altri tipi di legno grazie alla sua capacità di trattenere l’umidità e di essere un repellente naturale contro i parassiti del tabacco.

I livelli di umidità sono più facilmente mantenuti in un umidificatore per sigari fatto internamente con cedro spagnolo. Mogano, ciliegio e palissandro sono spesso utilizzati per l’esterno sia come moderni materiali come la fibra di carbonio, la fibra di vetro e la resina. In aggiunta le targhette e le giunture sono fabbricate in ottone o in acciaio e addirittura placcati in oro.