Dove pubblicare nuovi articoli? Su PubblicareArticoli.it

Stai cercando un sito che ti permetta di fare gratuitamente Article Marketing di qualità con contenuti inediti? PubblicareArticoli.it diventerà uno dei tuoi strumenti preferiti su cui contare per promuovere le attività dei tuoi clienti o la tua!
Ricorda, gli articoli che invierai non dovranno essere mai pubblicati su altri siti e non dovranno mai essere inferiori a 400 parole.

Il flamenco dei Gipsy Kings

Categoria: Arte e spettacolo Pubblicato 20 Febbraio 2015
Visite: 955
Due famiglie tra loro imparentate. Cinque membri dei Reyes (Nicolás, Pablo, Canut, Patchai e Andre) che, già attivi musicalmente nella città francese di Arles col nome di “Los Reyes”, accolgono nella loro formazione tre dei Baliardo (Diego, Paco e Tonino). Una prima voce, quella di Nicolás, appunto, e chitarre come se piovessero. Si tratta del flamenco dei gitani francesi (seppur d'origine andalusa) che ha dato vita al mito dei Gipsy Kings.

I Reyes sono figli d'arte. Il padre José, infatti, da cui Canut avrebbe ereditato il caratteristico timbro vocale roco, instradò i cinque figli all'arte della rumba - cantata e suonata - sin dalla più tenera età.

Giunti alle luci della ribalta francese (e poco dopo tempo anche di quella internazionale) negli anni ottanta con l'arcinota “Bamboleo”, le sonorità dei Gipsy Kings sono caratterizzate da un'interpretazione in chiave gitana della cosiddetta “Rumba Flamenca”, un tipo di flamenco d'origine sudamericana decisamente differente dall'originale flamenco andaluso (motivo per il quale vanta numerosi detrattori seduti nelle file dei “puristi” del genere) e che a tratti sfuma nel tango. Potremmo definire la loro fama come frutto di una pura casualità: il produttore Claude Martinez, infatti, li notò esibirsi per caso a Saint Tropez. Se “Djobi Djoba” e “Bamboleo” furono pubblicato da un'etichetta indipendente, il contatto con Martinez consentì loro di diffondere i loro successivi lavori su scala planetaria mediante l'appoggio di una major come la Sony.

Tra le “cover” che hanno contribuito a farli amare dal grande pubblico, ricordiamo “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno e “Hotel California” degli Eagles.

Nel 2004 partecipano al Festival della Canzone Italiana di Sanremo con il brano “Quando l'aria mi sfiora” di Massimo Modugno. Nel 2008 collaborano con Gigi D'Alessio nella registrazione del brano “Solo lei”, dell'album “Questo sono io”. La discografia del prolifico gruppo conta tredici album registrati in studio: Allegria (1982), Luna de Fuego (1983), Gipsy Kings (1987), Mosaïque (1989), Este Mundo (1991), Love and Liberté (1983), Estrellas (1995), Tierra Gitana (1996), Compas (1997), Somos Gitanos (2001), Roots (2004), Pasajero (2006) e Savor Flamenco (2013).

A questi si sommano due album live, “Live” del 1992 e “Gipsy Kings Live” del 2014. Cinque, infine, le raccolte dei loro migliori brani: Greates Hits (1994), The Best of the Gipsy Kings (1995), Love Songs (1996), Cantos de Amor (1998) e ¡Volaré! The Very Best of the Gipsy Kings (1999).